home | orientamento | storia | pubblicazioni | contatti


Questo metodo ha rappresentato fin dall'inizio una particolarità dell'approccio gestaltico e ne rappresenta a tutt'oggi, la sua caratteristica più originale. Il lavoro esperienziale oltre a mettere in evidenza ciò che deve essere modificato, permette anche di collaudare i cambiamenti possibili per realizzare i quali, la sola presa di coscienza è condizione necessaria ma non sufficiente. La consapevolezza che deriva dal lavoro esperienziale sarà contemporaneamente affettiva, cognitiva e corporea; ciò che si vuole costruire o ri-costruire attraverso la psicoterapia è la capacità di "fare diventare esperienza" tutte quelle particolari situazioni emotive che la persona non sperimenta come tali, che evita, su cui si blocca o che non riconosce perchè non le ha mai apprese nel corso della vita.

Il corpo
Un modo particolare di riferirsi al corpo e di implicarlo nel processo terapeutico è presente in Psicoterapia della Gestalt fino dalle prime elaborazioni ed è l'aspetto più innovativo di questa pratica clinica. La centralità del corpo si esprime attraverso una attenzione costantemente portata sulle sensazioni, sulle funzioni propriocettive, sulla sensitività, sulla attività percettiva, sulla espressività corporea e sulle comunicazioni non verbali, parallelamente al lavoro verbale. La seduta si svolge faccia a faccia, e si avvale dell'utilizzo di tecniche ("giochi" gestaltici) che hanno lo scopo di coinvolgere la persona in modo globale e favorire così la consapevolezza e il cambiamento.

 
> ATTIVITA'
* psicoterapia
* formazione clinica
* relazione d'aiuto
* studi e ricerche
   
1> 2> 3> 4 >